La Provincia di Biella > Attualità > “La strada è chiusa da mesi per una frana”
Attualità Biella Circondario -

“La strada è chiusa da mesi per una frana”

Una strada chiusa da mesi per colpa di uno smottamento dovuto alle forti piogge. Si trova al Vandorno, all'altezza dell'incrocio con Pollone, Cossila e la salita Gallinit che porta in Burcina.

Una strada chiusa da mesi per colpa di uno smottamento dovuto alle forti piogge. Si trova al Vandorno, all’altezza dell’incrocio con Pollone, Cossila e la salita Gallinit che porta in Burcina.

Una strada chiusa da mesi per colpa di uno smottamento dovuto alle forti piogge. Si trova al Vandorno, all’altezza dell’incrocio con Pollone, Cossila e la salita Gallinit che porta in Burcina. La zona è stata trensennata in attesa dei lavori. Opere che però tardano ad iniziare come sottolineano i residenti della zona costretti a percorrere strade alternative.

“Il fronte della frana è di circa 20 metri qui non si parla di costi o altro ma solo di buon senso – affermano gli abitanti, stanchi di vedere tutto fermo -.  Per  mettere in sicurezza questo tratto ci vogliono 2 ore di buona volontà in attesa di poter fare dei lavori che purtroppo costeranno”.

La questione è già stata presa in esame dall’amministrazione comunale che al più presto conta di riportare la situazione alla normalità. “Mi rendo conto che i residenti e tutti coloro che abitualmente percorrono questa strada abbiano subito disagi negli ultimi mesi – afferma l’assessore Valeria Varnero -. Purtroppo, però, si tratta di un intervento di non poco conto che deve essere affrontato e portato a termine in maniera definitiva. Per far questo i nostri uffici hanno predisposto il progetto che prevede una spesa di circa 190mila euro. Cercheremo di accelerare al massimo tutte le procedure per poter appaltare le opere nel più breve tempo possibile. Spero  in questo modo che la situazione possa essere riportata alla normalità entro l’estate”.

“La soluzione “temporanea”, consigliata dai residenti non è percorribile – conclude l’assessore -. Qui è necessario un lavoro serio con il posizionamento di micro pali che evitino in futuro il ripetersi di quanto accaduto a novembre”.

Articolo precedente
Articolo precedente