La Provincia di Biella > Attualità > La mappa dei ponti che fanno paura
Attualità Fuori provincia -

La mappa dei ponti che fanno paura

Hanno superato la durata di vita per i quali sono stati progettati

La mappa dei ponti che fanno paura.

Eccoli

Dopo la tragedia del Ponte Morandi a Genova l’attenzione si fa alta e il tema è quantomai caldo.

Crollo Ponte Morandi Genova: cosa sappiamo finora NUOVE IMMAGINI

Cavalcavia di Isella

In Lombardia è sotto la lente di ingrandimento da due anni, la notizia del crollo del cavalcavia di Annone (Lc). Una tragedia costata la vita al civatese Claudio Bertini. I lavori di ricostruzione, dopo due anni di polemiche, sono iniziati nel maggio di quest’anno e si sono già interrotti più volte. Come detto però nel lecchese da due anni sono alle prese con la pericolosità del ponte che sovrasta al Super 36 collegando il centro di Civate con la frazione di Isella. Nel corso dell’ultimo anno sono stati diversi gli allarmi per la caduta di calcinacci.

 

 

Pubblicato il bando

La svolta, per il ponte civatese, che è stato appunto inserito dal Cnr nella mappa delle strutture a rischio, fortunatamente è finalmente  arrivata a luglio con la pubblicazione del bando, da oltre  due milioni di euro,  per le opere di rifacimento.

Le altre strutture lombarde a rischio

Sempre secondo la nota realizzata il ponte di Isella è purtroppo in “cattiva compagnia” . Sono davvero tanti i ponti, in Italia, che fanno paura. In tutti i casi parliamo di infrastrutture stradali costruite tra il 1955 e il 1980, con caratteristiche e tecnologie simili: ponti in calcestruzzo armato che a parere dell’Istituto di Tecnologia delle Costruzioni del Cnr “hanno superato, oggi, la durata di vita per la quale sono stati progettati e costruiti”. In Lombardia, in particolare la soglia di allarme, secondo il Cnr riguarderebbe anche il Viadotto dei Lavatoi a Como.

“Attenzionato” anche il  il viadotto sulla statale 42 del Tonale all’altezza di Ponte di Legno (Brescia). E non è finita qui.

 

I ponti sulla Milano Meda

Sempre secondo il Cnr ad essere sorvegliati speciali sono anche alcuni ponti sulla sulla Superstrada Milano-Meda, in Brianza: due (Cesano Maderno e Bovisio Masciago) . Proprio recentemente Regione Lombardia ha  stanziati 200mila euro per la verifica e la messa in sicurezza di questi  cavalcavia.  Un finanziamento che si aggiunge ai 2,8 milioni previsti dalla Regione per la manutenzione della Superstrada.

La situazione in tutta Italia

Da Nord a Sud, nessuno è esente dai pericoli. In Italia i ponti sono un milione e mezzo, sotto controllo perché datati e malandati ce ne sono 60mila.  E tuttavia se i ponti che “hanno superato la durata di vita per la quale sono stati progettati” sono decine di migliaia, quelli che il Cnr ritiene ad alto rischio sono una ventina. Ecco la mappa globale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente