La Provincia di Biella > Attualità > Incendi l’allarme dei Carabinieri Forestale: massima pericolosità
Attualità Biella Circondario -

Incendi l’allarme dei Carabinieri Forestale: massima pericolosità

Comunicato del Comando Carabinieri Forestale Biella

Incendi l’allarme dei Carabinieri Forestale: massima pericolosità

Pubblichiamo il comunicato del Comando Carabinieri Forestale Biella

In considerazione dei recenti gravi episodi di incendio boschivo, si ricorda a tutti che, con determinazione 4300 del 28/12/2018, la Regione Piemonte ha dichiarato lo stato di massima pericolosità incendi boschivi a partire dal 30/12/2018

Pertanto si raccomanda ai cittadini di prestare la dovuta attenzione e rispettare le regole richiamate nel provvedimento: entro una distanza di 100 metri dai terreni boscati, arbustivi e pascolivi sono vietate le azioni che possono determinare anche solo potenzialmente l’innesco di incendio, quali accendere fuochi e fuochi pirotecnici, far brillare mine, usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli, adoperare apparati o apparecchiature che producano faville o brace, fumare, disperdere mozziconi o fiammiferi accesi, lasciare veicoli a motore incustoditi a contatto con materiale vegetale e combustibile, accendere lanterne cinesi, o compiere ogni altra azione che possa creare comunque pericolo mediato o immediato di incendio. La legge regionale n.15/2018 già prevede che su tutto il territorio è vietato l’abbruciamento all’aperto derivante dai residui delle attività agricole nel periodo compreso tra il 1° novembre e il 31 marzo di ogni anno.

Si ricorda inoltre che per tali comportamenti sono previste sanzioni amministrative molto elevate, oltre agli eventuali aspetti penali connessi al reato di incendio boschivo.

Nelle aree boscate percorse dal fuoco per il periodo di 10 anni vengono vietati il pascolo e la caccia; infine, i pascoli percorsi dal fuoco potrebbero perdere o vedere consistentemente ridotto il diritto a percepire i contributi del Piano Sviluppo Rurale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente