La Provincia di Biella > Attualità > I profughi mandato in tilt il web
Attualità Biella -

I profughi mandato in tilt il web

Sono numeri da capogiro. Oltre 20mila visualizzazioni su Facebook, migliaia di click  e centinaia di commenti. Tutto per poche righe che un lettore, Andrea Panataro, ha affidato al nostro sito www.laprovinciadibiella.it

Sono numeri da capogiro. Oltre 20mila visualizzazioni su Facebook, migliaia di click  e centinaia di commenti. Tutto per poche righe che un lettore, Andrea Panataro, ha affidato al nostro sito www.laprovinciadibiella.it

Sono numeri da capogiro. Oltre 20mila visualizzazioni su Facebook, migliaia di click, centinaia di commenti e di condivisioni Tutto per poche righe che un lettore, Andrea Panataro, ha affidato al nostro sito (www.laprovinciadibiella.it).

“Pollone e Occhieppo Superiore sembrano essere diventati villaggi africani – ha scritto Panataro riferendosi ai profughi ospitati nei due Comuni –   Tutta questa gente non fa assolutamente nulla, salvo passeggiare e digitare su cellulari mega che poco di certo non costano. Considerando che queste persone hanno un costo sociale, ovvero mangiano, bevono, devono essere curati ecc, sarebbe una proposta orrida, inaccettabile e razzista quella di dar loro un impiego a pulire strade fossi scarpate?”.
    

Apriti cielo. Risposte indignate sono venute da chi crede nell’accoglienza e nella solidarietà, mentre altri hanno dato libero sfogo al loro razzismo.

Ampio servizio sulla Nuova Provincia di Biella in edicola domani a solo 1,20 euro

Articolo precedente
Articolo precedente