La Provincia di Biella > Attualità > Ex Boglietti, si recupera qualche posto auto
Attualità Biella -

Ex Boglietti, si recupera qualche posto auto

L'assessore ai lavori pubblici Valeria Varnero ha trascorso uno spicchio di mattinata in via Sebastiano Ferrero, tra le vetrine dei commercianti “vicini di casa” del cantiere del parcheggio ex Boglietti, l'opera del piano integrato di sviluppo urbano che non ha ancora visto la luce. «Alcuni di loro avevano fatto sentire la loro voce attraverso i giornali» spiega Varnero, «preoccupati dei disagi che i lavori avevano portato anche alle loro attività. Ho preferito portare di persona gli aggiornamenti su questo appalto, rassicurandoli su un dato di fatto: l'autosilos vedrà la luce e non si lasceranno le cose a metà». Conversando con uno dei commercianti, portavoce dei colleghi della strada, l'assessore ha fatto il punto della situazione: da mercoledì un'impresa è stata incaricata di mettere in sicurezza il cantiere, lasciato sguarnito dalla Alvit, a cui è stato revocato l'incarico pochi giorni fa per inadempienze contrattuali. Le prime conseguenze saranno l'arretramento delle barriere di protezione su piazza Croce Rossa e, sul fronte opposto, in piazza De Agostini, con il conseguente recupero di un buon numero di posti auto. «Valuteremo l'opportunità» ha aggiunto Valeria Varnero «di tracciare nuovamente le righe dei parcheggi, ormai quasi cancellate». Nei prossimi giorni invece è in programma l'incontro in Regione per decidere come procedere con i lavori, mantenendo l'accesso ai fondi europei che hanno finanziato l'intero piano di sviluppo integrato. «L'obiettivo è di riprendere il più presto possibile» aggiunge l'assessore «seguendo la strada che decideremo con Torino».

L’assessore ai lavori pubblici Valeria Varnero ha trascorso uno spicchio di mattinata in via Sebastiano Ferrero, tra le vetrine dei commercianti “vicini di casa” del cantiere del parcheggio ex Boglietti, l’opera del piano integrato di sviluppo urbano che non ha ancora visto la luce. «Alcuni di loro avevano fatto sentire la loro voce attraverso i giornali» spiega Varnero, «preoccupati dei disagi che i lavori avevano portato anche alle loro attività. Ho preferito portare di persona gli aggiornamenti su questo appalto, rassicurandoli su un dato di fatto: l’autosilos vedrà la luce e non si lasceranno le cose a metà».

Conversando con uno dei commercianti, portavoce dei colleghi della strada, l’assessore ha fatto il punto della situazione: da mercoledì un’impresa è stata incaricata di mettere in sicurezza il cantiere, lasciato sguarnito dalla Alvit, a cui è stato revocato l’incarico pochi giorni fa per inadempienze contrattuali. Le prime conseguenze saranno l’arretramento delle barriere di protezione su piazza Croce Rossa e, sul fronte opposto, in piazza De Agostini, con il conseguente recupero di un buon numero di posti auto. «Valuteremo l’opportunità» ha aggiunto Valeria Varnero «di tracciare nuovamente le righe dei parcheggi, ormai quasi cancellate». Nei prossimi giorni invece è in programma l’incontro in Regione per decidere come procedere con i lavori, mantenendo l’accesso ai fondi europei che hanno finanziato l’intero piano di sviluppo integrato. «L’obiettivo è di riprendere il più presto possibile» aggiunge l’assessore «seguendo la strada che decideremo con Torino».

L’assessore ai lavori pubblici Valeria Varnero ha trascorso uno spicchio di mattinata in via Sebastiano Ferrero, tra le vetrine dei commercianti “vicini di casa” del cantiere del parcheggio ex Boglietti, l’opera del piano integrato di sviluppo urbano che non ha ancora visto la luce. «Alcuni di loro avevano fatto sentire la loro voce attraverso i giornali» spiega Varnero, «preoccupati dei disagi che i lavori avevano portato anche alle loro attività. Ho preferito portare di persona gli aggiornamenti su questo appalto, rassicurandoli su un dato di fatto: l’autosilos vedrà la luce e non si lasceranno le cose a metà».

Conversando con uno dei commercianti, portavoce dei colleghi della strada, l’assessore ha fatto il punto della situazione: da mercoledì un’impresa è stata incaricata di mettere in sicurezza il cantiere, lasciato sguarnito dalla Alvit, a cui è stato revocato l’incarico pochi giorni fa per inadempienze contrattuali. Le prime conseguenze saranno l’arretramento delle barriere di protezione su piazza Croce Rossa e, sul fronte opposto, in piazza De Agostini, con il conseguente recupero di un buon numero di posti auto. «Valuteremo l’opportunità» ha aggiunto Valeria Varnero «di tracciare nuovamente le righe dei parcheggi, ormai quasi cancellate». Nei prossimi giorni invece è in programma l’incontro in Regione per decidere come procedere con i lavori, mantenendo l’accesso ai fondi europei che hanno finanziato l’intero piano di sviluppo integrato. «L’obiettivo è di riprendere il più presto possibile» aggiunge l’assessore «seguendo la strada che decideremo con Torino».

Articolo precedente
Articolo precedente