La Provincia di Biella > Attualità > Don Remo Baudrocco sta meglio
Attualità Biella -

Don Remo Baudrocco sta meglio

Don Remo Baudrocco, il parroco di Chiavazza vittima di una caduta in via Milano durante la sfilata di Carnevale, sta meglio. Le sue condizioni sono nettamente migliorate, tanto che  è stato dimesso giovedì.

Don Remo Baudrocco, il parroco di Chiavazza vittima di una caduta in via Milano durante la sfilata di Carnevale, sta meglio. Le sue condizioni sono nettamente migliorate, tanto che  è stato dimesso giovedì.

Don Remo Baudrocco, il parroco di Chiavazza vittima di una caduta in via Milano durante la sfilata di Carnevale, sta meglio. Le sue condizioni sono nettamente migliorate, tanto che  è stato dimesso giovedì. A darne notizia è Franco Caucino, alias il Cucu, la maschera di Chiavazza. «Sono andato a trovarlo in questi giorni e ieri (giovedì per chi legge) è stato dimesso. Purtroppo ha un chiodo nel braccio e il tutore ad una gamba: vive da solo e non sarebbe riuscito a fare qusi nulla. Così è stato portato in una casa di riposo, per il periodo della riabilitazione. E’ all’Oasi, la struttura di cui, tra l’altro, è anche presidente.

Nonostante la situazione, il parroco di Chiavazza psicologicamente è in gran forma:  «Don Remo è una persona forte e piena di vitalità. Non si è lasciato abbattere, anzi. E’ mezzo bloccato, ma non vede l’ora di guarire e tornare in forma».

L’incidente è avvenuto domenica. Il sacerdote, che compirà 71 anni quest’anno,  era in testa al festoso corteo che sfilava lungo via Milano. Era in compagnia del Cucu, la maschera del quartiere. Pare che abbia perso l’equilibrio mentre lanciava coriandoli. Sul posto è subito intervenuta un’ambulanza del 118, che ha provveduto al trasporto nel nosocomio cittadino. Da una prima diagnosi sembrava che don Remo avesse riportato soltanto una frattura scomposta del braccio, ma una volta giunto al pronto soccorso sono emerse anche delle lesioni alla gamba, per cui si è reso necessario un delicato intervento chirurgico.

Articolo precedente
Articolo precedente