La Provincia di Biella > Attualità > Domani Salvini e Cota a Biella
Attualità Biella Circondario -

Domani Salvini e Cota a Biella

Pensioni, prostituzione, immigrazione, libertà e meno burocrazia: su queste tematiche si basano i cinque referendum proposti da Lega Nord. Il Carroccio depositerà i quesiti referendari presso la Corte di cassazione se entro tre mesi avrà  raccolto le firme di 500mila elettori. La segreteria provinciale si è posta un obbiettivo: «Ottenere 2500 firme nel solo Biellese - spiega Michele Mosca, segretario provinciale  - sarebbe per per noi già un buon risultato». Il segretario nazionale della Lega Nord Piemont e  Presidente della Regione Piemonte Roberto COTA e il Segretario Federale della Lega Nord Matteo SALVINI domani, domenica 28 marzo alle ore 14.30 saranno a BIELLA per la raccolta firme promossa dalla Lega Nord a sostegno di cinque quesiti referendari, presso il gazebo di Via Dante ang. Via Italia.

Pensioni, prostituzione, immigrazione, libertà e meno burocrazia: su queste tematiche si basano i cinque referendum proposti da Lega Nord. Il Carroccio depositerà i quesiti referendari presso la Corte di cassazione se entro tre mesi avrà  raccolto le firme di 500mila elettori. La segreteria provinciale si è posta un obbiettivo: «Ottenere 2500 firme nel solo Biellese – spiega Michele Mosca, segretario provinciale  – sarebbe per per noi già un buon risultato».

Il segretario nazionale della Lega Nord Piemont e  Presidente della Regione Piemonte Roberto COTA e il Segretario Federale della Lega Nord Matteo SALVINI domani, domenica 28 marzo alle ore 14.30 saranno a BIELLA per la raccolta firme promossa dalla Lega Nord a sostegno di cinque quesiti referendari, presso il gazebo di Via Dante ang. Via Italia.

Pensioni, prostituzione, immigrazione, libertà e meno burocrazia: su queste tematiche si basano i cinque referendum proposti da Lega Nord. Il Carroccio depositerà i quesiti referendari presso la Corte di cassazione se entro tre mesi avrà  raccolto le firme di 500mila elettori. La segreteria provinciale si è posta un obbiettivo: «Ottenere 2500 firme nel solo Biellese – spiega Michele Mosca, segretario provinciale  – sarebbe per per noi già un buon risultato».

Lo stesso Mosca, ieri ha illustrato alla stampa a grandi linee il significato di ogni quesito. «I due più popolari sono l’abrogazione della “Riforma Fornero”  e  della “Legge Merlin”. L’approvazione della riforma Fornero, che alza i valori dell’età pensionabile, ha fatto molto discutere. Si è posto il problema degli esodati, che ad oggi si trovano senza un lavoro ma che non hanno l’età sufficiente per andare in pensione. In tutto il Paese sono  160mila. Inoltre riteniamo le donne siano state danneggiate: la maggior parte di esse si trova a dover quotidianamente gestire, oltre al lavoro, anche casa e famiglia. Aumentare l’età pensionabile per loro è discriminatorio».

L’articolo completo sul giornale oggi in edicola

Articolo precedente
Articolo precedente