La Provincia di Biella > Attualità > Da venerdì la linea 900 porta al nuovo ospedale
Attualità Biella -

Da venerdì la linea 900 porta al nuovo ospedale

 L’anello urbano si potenzia. In concomitanza con l’apertura del nuovo ospedale, in programma la settima prossima, l’amministrazione cittadina ha deciso di rivedere leggermente il percorso della linea 900. «Da venerdì 28 novembre - spiega Stefano La Malfa, assessore alla viabilità e ai trasporti del Comune di Biella - la tratta dell’anello urbano verrà allungata nei pressi di corso 53esima Fanteria». Nessun cambiamento radicale, dunque, ma soltanto un’integrazione per consentire ai cittadini di raggiungere il nuovo nosocomio. 

 L’anello urbano si potenzia. In concomitanza con l’apertura del nuovo ospedale, in programma la settima prossima, l’amministrazione cittadina ha deciso di rivedere leggermente il percorso della linea 900.

«Da venerdì 28 novembre – spiega Stefano La Malfa, assessore alla viabilità e ai trasporti del Comune di Biella – la tratta dell’anello urbano verrà allungata nei pressi di corso 53esima Fanteria». Nessun cambiamento radicale, dunque, ma soltanto un’integrazione per consentire ai cittadini di raggiungere il nuovo nosocomio. 

 L’anello urbano si potenzia. In concomitanza con l’apertura del nuovo ospedale, in programma la settima prossima, l’amministrazione cittadina ha deciso di rivedere leggermente il percorso della linea 900.

«Da venerdì 28 novembre – spiega Stefano La Malfa, assessore alla viabilità e ai trasporti del Comune di Biella – la tratta dell’anello urbano verrà allungata nei pressi di corso 53esima Fanteria». Nessun cambiamento radicale, dunque, ma soltanto un’integrazione per consentire ai cittadini di raggiungere il nuovo nosocomio. 

Nel frattempo la giunta di Marco Cavicchioli, in collaborazione con Atap, sta pensando ad un nuovo piano per il trasporto pubblico locale per il 2015. «L’impegno comune – spiega il presidente di Atap, Maurizio Barbera – è quello di trovare una soluzione stabile che possa conciliare al meglio necessità tecniche e costi sostenibili. I cittadini, ad ogni modo, possono stare tranquilli. Il servizio viene prima di tutto».

Articolo precedente
Articolo precedente