La Provincia di Biella > Attualità > Cannabis terapeutica: in Piemonte triplicato l’uso
Attualità Biella -

Cannabis terapeutica: in Piemonte triplicato l’uso

Ecco i dati

Cannabis terapeutica: in Piemonte triplicati i malati che l’usano. Nel 2017 639 malati l’hanno usata contro 209 del 2016. E la Regione chiede allo Stato di aumentare i centri di produzione.

Cannabis terapeutica: in Piemonte triplicati i malati che l’usano
Aumenta in modo consistente in Piemonte l’utilizzo delle cure con cannabis ad uso terapeutico: nell’ultimo anno, infatti, i malati trattati con medicinali cannabinoidi sono triplicati e il numero delle prescrizioni è cresciuto di oltre cinque volte.

I dati del 2017
In dettaglio, nel corso del 2017 i malati trattati con cannabis ad uso terapeutico sono stati 639 (con un incremento rispetto al 2016 pari al 205,74%) per un totale di 2.683 prescrizioni. Di queste, 770 sono state effettuate da medici di medicina generale (28,70%) e 1.913 da medici specialisti (71,30%). Nel 2016 erano stati 209 per un totale di 483 prescrizioni.

La spesa totale registrata in Regione Piemonte nel 2017 per tali preparati è stata di 193.089 euro, con un incremento del 107,07% rispetto al 2016.

“I tempi di consegna sono troppo lunghi”
“I dati ci dicono che c’è una richiesta crescente da parte dei pazienti e c’è un aumento delle prescrizioni da parte dei medici di cannabis ad uso medico – sottolinea l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta -. Purtroppo non sempre lo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze, l’unico autorizzato per legge alla fornitura, riesce a soddisfare tempestivamente tutte le richieste. Chiediamo dunque al Ministero della Salute, secondo quanto prevede la norma, di individuare e autorizzare altri enti alla produzione dei farmaci”.

Le patologie per cui la usa
La cannabis ad uso medico, che in Piemonte è stata regolamentata con una legge approvata dal Consiglio regionale nel 2015, può essere impiegata per sei aree di patologie e soltanto quando le terapie tradizionali si sono rivelate inefficaci. Nella nostra regione oltre il 70% dei trattamenti riguarda analgesia nel dolore cronico o neurogeno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente