La Provincia di Biella > Attualità > Biella Jazz Club quartetto in concerto
Attualità Biella -

Biella Jazz Club quartetto in concerto

Appuntamento martedì sera

Biella Jazz Club quartetto in concerto.

Martedì sera

Prosegue per tutto il mese la stagione di concerti 2017/2018 del Biella Jazz Club , martedì 22 maggio alle ore 21,30 dei graditissimi ritorni a Palazzo Ferrero, con il nuovo progetto “Xtrelement”, Germano Zenga al sax, Luigi Bonafede al pianoforte, Marco Vaggi al contrabbasso e Ferdinando Faraò alla batteria.

Il quartetto presenta un repertorio che attingendo dalla radice coltreniana sviluppa poi una sonorità propria ed originale.
Momenti di rigorosa tradizione si alternano ad ampi spazi di libertà creativa in un repertorio che comprende brani standard e originali.

Germano Zenga, il sassofonista milanese che vanta collaborazioni importanti con Enrico Rava, Kenny Wheeler, Mario Biondi e Rosalia De Souza.

Luigi Bonafede si è jazzisticamente formato nella seconda metà degli anni settanta al “Capolinea” di Milano, dove ha avuto modo di incontrare i più noti e rappresentativi jazzisti italiani, in particolar modo Larry Nocella, che ha influenzato in maniera determinante la sua vita e la sua carriera.
Ha partecipato come leader di propri gruppi ai più Importanti festivais nazionali e internazionali: Umbria jazz, San Remo, Pescara, La Spezia, Alassio, Ciak di Milano, Siena, Grande Parade du Jazz di Nizza, Jazz Jamboree di Varsavia, festival di Dhurarn (North Carolina), Montreaux, Amsterdam, Belgrado, Parigi.
Ha preso parte, sia in maniera stabile che occasionale, a numerosi concerti, tournee’ e trasmissioni radiotelevisive con i seguenti musicisti:
Gianni Cazzola, Enrico Rava, Massimo Urbani, Claudio Fasoli, Tullio De Piscopo, Pietro Tonolo, Francesca oliveri, Roberto Gatto, Maurizio Giammarco, Gianni Basso, Tiziana Ghiglioni, Flavio Boltro, Kenny Clarke, Lee Konitz, Steve Grossman, Sal Nistico, Pat Labarbera, James Moody, Joe Newman, George Coleman, Lew Tabackin, Curtis Fuiler, Bob Berg, Kay Winding….
Anche come batterista ha partecipato a concerti e incisioni discografiche con Riccardo Zegna, Tiziana Ghiglioni, Franco D’Andrea, Guido Manusardi, Pietro Tonolo, Bob Berg, Tony Scott, Rita Marcotulli, Antonio Faraò, Rossana Casale…

Marco Vaggi ha iniziato l’attività di musicista entrando a far parte del quintetto del batterista Gianni Cazzola. Da allora ha collaborato con alcuni tra i più conosciuti musicisti della scena nazionale e internazionale del jazz. Ha fatto parte di formazioni storiche quali il quintetto di Giorgio Gaslini, il quartetto di Franco Cerri ed Enrico Intra, i gruppi di Claudio Fasoli, Guido Manusardi, Mario Rusca, Tiziana Ghiglioni, Antonio Faraò, Luigi Bonafede, Roberta Gambarini, Mauro Negri, Massimo Urbani, Luca Flores, Tony Arco, le big band Keptorchestra, Lydian Sound Orchestra, Civica Jazz Band, svolgendo un’intensa attività concertistica e di club, suonando in numerosi festival e rassegne in Svizzera, Austria, Germania, Francia, Croazia, Grecia, Romania, Belgio, Finlandia, India e Stati Uniti, partecipando a numerose trasmissioni radiotelevisive e prendendo parte all’incisione di più di trenta CD. Ha suonato con grandi solisti internazionali tra cui John Surman, Steve Lacy, Mal Waldron, Dave Liebman, Jaki Byard, Kenny Wheeler, Charles Tolliver, Franco Ambrosetti, Steve Grossman, Chico Freeman, Lee Konitz, Andrew Hill, Sonny Fortune, Al Cohn, Kay Winding, Curtis Fuller, Albert Mangelsdorff, Jerry Bergonzi, Rachel Gould, Tony Scott, Sal Nistico, Benny Golson. Con Enrico Intra ha preso parte a progetti di improvvisazione e sonorizzazione di film e immagini. Ha pubblicato saggi sulla rivista di musicologia Musica Oggi. Da sempre appassionato alla didattica, ha insegnato nelle scuole di Parma, Dolo e del Centro Jazz di Torino, nei seminari estivi del Thelonious Monk Institute e di Sondrio. Dal 1987 insegna contrabbasso, teoria, musica d’insieme e improvvisazione ai Civici Corsi di Jazz di Milano. Recentemente ha formato un quartetto in cui, oltre a eseguire proprie composizioni, rielabora musiche del grande contrabbassista Charles Mingus.

Ferdinando Faraò fa parte di una famiglia di noti jazzisti. E’ fratello del pianista Antonio Faraò e cugino del pianista Massimo Faraò. Inizia la sua attività di jazzista nel 1979 al Capolinea di Milano.
Nel corso degli anni seguenti ha modo di incontrare, conoscere e suonare con alcuni tra i più importanti jazzisti tra cui Lee Konitz, Claudio Fasoli, Larry Nocella, Massimo Urbani, Tony Scott, Mal Waldron, Enrico Rava, Paolo Fresu, Gianluigi Trovesi, Tiziana Ghiglioni, Pietro Tonolo, Luigi Bonafede, Franco Cerri, Enrico Intra, Sal Nistico, Maurizio Giammarco, Steve Grossman, Franco Ambrosetti, Franco D’andrea, Bob Mover, Larry Schneider, Charlie Mariano, Steve Swallow, Paul Jeffrey, Ralph Alessi, Bill Smith, Joe Fonda.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente