La Provincia di Biella > Attualità > Belletti Bona in vendita, anzi in affitto
Attualità Biella -

Belletti Bona in vendita, anzi in affitto

Come prevedibile, vista la drammaticità della situazione economica, il Belletti Bona viene messo in vendita. O per meglio dire i servizi di assistenza ai ricoverati vengono esternalizzati tramite la cessione in affitto.

Come prevedibile, vista la drammaticità della situazione economica, il Belletti Bona viene messo in vendita. O per meglio dire i servizi di assistenza ai ricoverati vengono esternalizzati tramite la cessione in affitto.

Come prevedibile, vista la drammaticità della situazione economica, il Belletti Bona viene messo in vendita. O per meglio dire i servizi di assistenza ai ricoverati vengono esternalizzati tramite la cessione in affitto.

E’ quanto deciso la scorsa settimana dal giuidice fallimentare, che ha autorizzato il curatore Enrico Stasi ad avviare le relative procedute. La gara si svolgerà il 23 giugno presso il tribunale di Biella e  interesserà inizialmente un periodo di quattro mesi al termine del quale ci sarà il bando per la cessione definitiva di servizi e immobile.

«La procedura competitiva per l’affitto dell’azienda Belletti Bona – si legge nel comunicato stampa a firma del curatore – è stata avviata a fronte ed a seguito delle manifestazioni di interesse formulate da terzi al fine di preservare, nell’interesse dei creditori, il valore dell’azienda mantenendola in esercizio, senza soluzione di continuità e salvaguardando altresì i livelli occupazionali».

La crisi dell’istituto è scoppiata in tutta la sua gravità nell’inverno scorso quando, dalla sera alla mattina, venne comunicato ai circa settanta dipendenti che non sarebbe stato pagato lo stipendio del mese di gennaio. Dopo una serie di acconti, nelle settimane scorse nel tentativo di salvare la situazione il curatore aveva chiesto ai dipendenti di accettare un taglio delle retribuzione ma la proposta – che avrebbe dovuto ottenere l’unanimità – venne respinta.
Preso atto della situazione, il successivo passo è stato quello comunicato nei giorni scorsi.

Articolo precedente
Articolo precedente