La Provincia di Biella > Attualità > Anche i cani si sballano al parco mangiando la droga nascosta
Attualità Fuori provincia -

Anche i cani si sballano al parco mangiando la droga nascosta

Un fenomeno preoccupante

Anche i cani si sballano al parco mangiando la droga nascosta.

Cani si sballano al parco

Per quanto strano possa sembrare non è certamente una rarità. In cani giocano al parco, corrono e annusano tutti gli odori che trovano, seguono le “piste”. Esattamente come vengono attirati dai bocconi avvelenati lo sono anche dalle dosi di hashish nascoste dai pusher al parco in attesa di venderle.

I sintomi

I sintomi sono molto chiari: dopo poco tempo dall’”assunzione” i poveri animali cominciano ad avere capogiri e a faticare a tenere le zampe stabili, sono stanchi, spossati, sonnolenti, affamati e barcollano. Spesso poi è facile fare il collegamento se i sintomi compaiono subito dopo la passeggiata al parco. Non è raro però, sottolineano i veterinari, che questi episodi si verifichino anche in casa di qualche consumatore abituale.

Spaccio al parco

Spesso accade nei grandi parchi torinesi, dove sono più concentrate le zone di spaccio, come al Parco del Valentino. Qui infatti i pusher e i clienti si trovano per la compravendita delle sostanze. I primi per non farsi trovare con addosso la sostanza durante i frequentissimi controlli nascondono le dosi per terra, dietro cespugli o dentro buchi negli alberi, ma i cani ne sono attratti, così se le fiutano spesso le mangiano.

Leggi anche:  Muore facendo rafting nella Dora Baltea

I consigli dei veterinari

«Quando ero un giovane veterinario si trattava di una rarità, mentre oggi è un fenomeno in aumento – conferma al Corriere online Carlo Scotti, direttore sanitario del Centro Veterinario Torinese di Lungo Dora Colletta – Noi abbiamo circa 10-12 casi all’anno, secondo me legati all’incremento dell’uso di questa sostanza». Il consiglio è dunque quello di tenere sempre i cani a guinzaglio così da poter controllare meglio cosa annusano e cosa mettono in bocca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente