La Provincia di Biella > Attualità > Alta tensione sul treno lumaca
Attualità Biella -

Alta tensione sul treno lumaca

Ancora un disservizio per chi si sposta in treno. E’ solo l’ultimo di una lunga serie ed è avvenuto giovedì. Tensione alta tra i passeggeri del convoglio 2025 proveniente da Torino Porta Nuova e diretto a Milano Centrale delle ore 18.54.

Ancora un disservizio per chi si sposta in treno. E’ solo l’ultimo di una lunga serie ed è avvenuto giovedì. Tensione alta tra i passeggeri del convoglio 2025 proveniente da Torino Porta Nuova e diretto a Milano Centrale delle ore 18.54.

Ancora un disservizio per chi si sposta in treno.

E’ solo l’ultimo di una lunga serie ed è avvenuto giovedì. Tensione alta tra i passeggeri del convoglio 2025 proveniente da Torino Porta Nuova e diretto a Milano Centrale delle ore 18.54.

Il treno era escluso dallo sciopero nazionale del personale essendo nella fascia oraria garantita. Partito già venti minuti dopo l’orario previsto, ha iniziato ad accumulare ulteriore ritardo all’uscita da Torino Porta Susa. Le numerose soste hanno contribuito ad aumentare  l’impazienza dei passeggeri e giunti a Chivasso il ritardo raggiunto superava i 30 minuti. Il tratto Chivasso – Santhià è stato percorso con una lentezza tale da costringere il capotreno ad annunciare la mancata coincidenza Santhià – Biella delle ore 20.40 (l’arrivo previsto a Santhià era alle 19.40). A quel punto i passeggeri non hanno più retto la tensione, la stanchezza e la voglia di arrivare a casa e hanno attaccato verbalmente il capotreno costringendolo a chiamare chi di superiore e trattenere il treno Minuetto destinato al raggiungimento di Biella.

Un passeggero, alteratosi maggiormente rispetto agli altri, ha minacciato una denuncia e condannato la pessima situazione di servizio offerto. Il minuetto ha quindi aspettato il Torino – Milano e i passeggeri diretti a Biella sono riusciti a salire sul secondo treno alle 20.50, con un ritardo di 70 minuti.

Mario Monteleone

Articolo precedente
Articolo precedente