La Provincia di Biella > Attualità > Al Sociale inizia l’era di Spigolon
Attualità Biella -

Al Sociale inizia l’era di Spigolon

Una tradizione più che centenaria quella del Circolo Sociale Biellese di Piazza Martiri, che dal lontano 1878 ospita nelle sue sontuose stanze la Biella che conta. La gestione del Circolo, che verrà inaugurata nei prossimi giorni,  è recentemente passata nelle mani di Alberto Spigolon. Ex gestore del ristorante La Terrazza di Piazza Curiel, Spigolon porterà al Sociale le sue due grandi passioni: quella per i vini da intenditore, con un’ampia selezione curata da un sommelier professionista, e quella per le carni internazionali. «La proposta per il mezzogiorno è un menu terra e mare – racconta tenendo davanti una lista piatti che spazia dal raviolo con paletta di Coggiola al raviolo di branzino al sugo di scampi – con portate provenienti dalla cucina locale e nazionale». L’obiettivo per il nuovo corso sarebbe spingere sul pasto di metà giornata, pur mantenendo intatta la flessibilità di orari del circolo, che consente anche di fare colazione subito dopo l’apertura, aperitivo prima di pranzo o cena o di concedersi un the con biscottini a metà pomeriggio nei due nuovi salottini adibiti a sala da the.

Una tradizione più che centenaria quella del Circolo Sociale Biellese di Piazza Martiri, che dal lontano 1878 ospita nelle sue sontuose stanze la Biella che conta. La gestione del Circolo, che verrà inaugurata nei prossimi giorni,  è recentemente passata nelle mani di Alberto Spigolon. Ex gestore del ristorante La Terrazza di Piazza Curiel, Spigolon porterà al Sociale le sue due grandi passioni: quella per i vini da intenditore, con un’ampia selezione curata da un sommelier professionista, e quella per le carni internazionali. «La proposta per il mezzogiorno è un menu terra e mare – racconta tenendo davanti una lista piatti che spazia dal raviolo con paletta di Coggiola al raviolo di branzino al sugo di scampi – con portate provenienti dalla cucina locale e nazionale». L’obiettivo per il nuovo corso sarebbe spingere sul pasto di metà giornata, pur mantenendo intatta la flessibilità di orari del circolo, che consente anche di fare colazione subito dopo l’apertura, aperitivo prima di pranzo o cena o di concedersi un the con biscottini a metà pomeriggio nei due nuovi salottini adibiti a sala da the.

Una tradizione più che centenaria quella del Circolo Sociale Biellese di Piazza Martiri, che dal lontano 1878 ospita nelle sue sontuose stanze la Biella che conta. La gestione del Circolo, che verrà inaugurata nei prossimi giorni,  è recentemente passata nelle mani di Alberto Spigolon. Ex gestore del ristorante La Terrazza di Piazza Curiel, Spigolon porterà al Sociale le sue due grandi passioni: quella per i vini da intenditore, con un’ampia selezione curata da un sommelier professionista, e quella per le carni internazionali. «La proposta per il mezzogiorno è un menu terra e mare – racconta tenendo davanti una lista piatti che spazia dal raviolo con paletta di Coggiola al raviolo di branzino al sugo di scampi – con portate provenienti dalla cucina locale e nazionale». L’obiettivo per il nuovo corso sarebbe spingere sul pasto di metà giornata, pur mantenendo intatta la flessibilità di orari del circolo, che consente anche di fare colazione subito dopo l’apertura, aperitivo prima di pranzo o cena o di concedersi un the con biscottini a metà pomeriggio nei due nuovi salottini adibiti a sala da the. 
Come già avvenuto per i suoi trascorsi nella ristorazione, sono nei programmi di Spigolon diverse serate a tema sulle eccellenze enogastronomiche: ci sarà una serata all’aceto balsamico, una in compagnia di un mastro cioccolataio dedicata agli abbinamenti tra cibi e cioccolato, una tutta per il prosciutto serrano spagnolo, una di degustazione di vini e formaggi ( in collaborazione con Botalla formaggi), una serata infine che avrà come tema le carni del mondo, nella quale si potranno gustare canguro, bisonte e kobe. Fornitore di carni, internazionali e non, del Circolo sarà la Macelleria Carne & Carne di via Pietro Micca.
Le attività del Circolo non si limitano ovviamente alla degustazione di piatti prelibati: come in passato si susseguiranno serate danzanti, musica dal vivo, conferenze di vario argomento, tenute anche dai 14 Club di servizio che usufruiscono dei locali del Circolo (Rotary, Lions, Panathlon…).
Gaia Quaglio
Articolo precedente
Articolo precedente