La Provincia di Biella > Attualità > A Bielmonte si lavora, ma il problema resta
Attualità Biella -

A Bielmonte si lavora, ma il problema resta

Dopo alcuni giorni di isolamento, la stazione sciistica di Bielmonte torna a lavorare nel fine settimana grazie alla riapertura di entrambe le strade che conducono alla località turistica. Il rischio valanghe è limitato. Le zone critiche sono costantemente monitorate

Dopo alcuni giorni di isolamento, la stazione sciistica di Bielmonte torna a lavorare nel fine settimana grazie alla riapertura di entrambe le strade che conducono alla località turistica. Il rischio valanghe è limitato. Le zone critiche sono costantemente monitorate

Dopo alcuni giorni di isolamento, la stazione sciistica di Bielmonte torna a lavorare nel fine settimana grazie alla riapertura di entrambe le strade che conducono alla località turistica.

Una boccata di ossigeno per gli operatori che quest’anno sono stati fortemente penalizzati e che ora invocano a gran voce la soluzione definitiva del problema. In caso di abbondanti precipitazioni, infatti, Bielmonte va in tilt. La neve, che dovrebbe essere il punto di forza di questa località, se eccessiva, provoca la paralisi.

“Non è una nostra competenza – spiega il commissario straordinario Angelo Ciuni -. E anche se lo fosse in questo particolare momento non potremmo fare nulla perché tutti gli investimenti sono bloccati. Per risolvere la questione bisognerebbe innanzitutto cercare di capire chi deve intervenire, cosa ancora poco chiara.  I paravalanghe devono essere posizionati su terreni privati che insistono sulla strada. Fondi di proprietà della famiglia Zegna. Conoscendo la loro munificenza sono convinto che questi interventi verranno effettuati”.

Ampio servizio in edicola oggi sulla Nuova Provincia di Biella.

Articolo precedente
Articolo precedente